Gli smartphone del futuro

oneplus 3t

Primo della classe

Versione aggiornata del già tanto apprezzato OnePlus 3, questo device ha tutte le caratteristiche che si cercano in un top di gamma senza eccedere nel prezzo. Il design è praticamente lo stesso del predecessore, con corpo in alluminio anodizzato e display da 5,5 pollici Optic AMOLED Full H D. li sistema operativo Oxy-genOS è una versione modificata di Android Marshmallow 6.0.1 mentre le prestazioni sono state migliorate grazie al connubio tra processore quad core Snapdragon 821 e ben 6 GB di RAM.

Non c’è uno slot di espansione per schede microSD: se i 64 GB di memoria interna non dovessero essere sufficienti, si può optare per la versione da 128 GB spendendo 40 euro in più. Anche la fotocamera posteriore con sensore Sony da 16 Mpixel è rimasta identica, mentre è stata migliorata quella frontale con un sensore Samsung sempre da 16 Mpixel. La cosa che però contraddistingue maggiormente il OnePlus 3T dal predecessore è la batteria, ora da 3.400 mAh, e dotata dell’innovativa tecnologia Dash Charge che consente di ricaricarla di circa il 60% in solo 30 minuti, sufficiente per un giorno di autonomia. Difficile trovare uno smartphone migliore nella sua fascia di prezzo.

A tutto schermo

Linee innovative, cornice ridotta al minimo e display gigante per visioni perfette!

La prima cosa che colpisce del Mi Mix è l’assenza di cornice; il display da 6,4 pollici occupa praticamente 1’91,3% del pannello frontale, soluzione che verrà sicuramente riproposta da altri produttori nel prossimo futuro. Dal punto di vista costruttivo non gli si può dire nulla: il corpo in ceramica e le linee eleganti lo rendono sicuramente uno dei più belli da vedere. Anche la dotazione è al top, sia per prestazioni che per funzionalità.

Integra poi altre soluzioni innovative come il sensore ultrasonico di prossimità e l’audio con tecnologia piezoelettrica. Purtroppo però si tratta di features non ancora mature, che richiedono qualche miglioramento. Pecca poi in maneggevolezza: non è sicuramente un device tascabile per l’uso quotidiano e il guscio in ceramica lo rende anche piuttosto scivoloso. Altra nota negativa riguarda la fotocamera: registra sì a 4K, ma con condizioni di luce scarsa i risultati lasciano a desiderare. Si tratta comunque di uno smartphone unico nel suo genere con un prezzo tutto sommato giusto per quanto offerto.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Be the first to comment on "Gli smartphone del futuro"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*