Twitter: cosa è e come funziona

Il social network più diffuso dopo Facebook è Twitter. Quando apparve nel 2008 era più pensato come un servizio di aggiornamento via SMS, la rivoluzione dello smartphone e del tablet l’ha fatto andare verso un progetto di microblogging molto interattivo, da usare dal vivo, grazie all’interazione con altre piattaforme come Vine, Instagram e da ultimo Periscope. Ma come funziona Twitter e perché lo si dovrebbe usare? A differenza di Facebook Twitter non usa molto la personalizzazione. Ci sono elementi di geolocalizzazione, ma non è strettamente necessario esserci con la propria identità. Se Facebook va leva sul desiderio di apparire, Twitter fa leva su quello di dire la propria. È inevitabile quindi che si cinguettii diverse volte al giorno per commentare dei fatti, dire la propria o anche interagire con altri profili. Non sono poche le persone che si sono conosciute su Twitter legate dagli stessi interessi.

Infatti, proprio il legame per interessi (che vanno da quelli sportivi, culturali, cinematografici a quelli politici) aiuta le persone a trovare l’intesa e conoscersi. Perché il substrato di ogni social network è appunto la socialità: si usa una leva per sollevare un coperchio e dar libero sfogo alla propria capacità di socializzare, conoscendo sempre più persone. Twitter è largamente usato dalle persone famose anche come mezzo di comunicazione principe, considerandolo in qualche modo più attendibile di Facebook, per il semplice motivo che su Twitter c’è il procedimento di autenticazione dell’account di un personaggio pubblico. Allo stesso tempo ci sono account verificati di giornalisti, media, giornali, trasmissioni e canali di notizie. Per cui è facile affidarsi a questo strumento per ottenere un’immediata cassa di risonanza. I politici come Obama, Renzi hanno usato questo strumento per annunciare importanti decisioni e traguardi.

Il modello pubblicitario di Twitter consente di monetizzare l’enorme traffico che sviluppa. Attualmente Twitter è al decimo posto assoluto nella classifica dei siti più visti del mondo, dominata da Google e Facebook. Le aziende e i profili possono fare pubblicità analitica, settoriale e segmentata, acquistando i cosiddetti tweet sponsorizzati, che consentono a chi li compra di essere visibili nella timeline di ogni iscritto in quella particolare area o segmento. Twitter Ads funziona con la carta di credito tra le altre cose ed è collegato a un pannello di controllo che mostra le interazioni in tempo reali, l’incisività dei tweet, il target di riferimento e lo storico analitico con la performance mensile. Sono in tanti a interrogarsi, soprattutto a Wall Street, circa il fatto che Twitter riesca a conservare un modello di business appetibile. La crescita nel tempo è stata molto costante e i fondatori hanno già rifiutato offerte di acquisizione. Di fatto è un rivale di Facebook e Google e con l’introduzione dei messaggi privati di gruppo, sta tentando di avere una fetta del ricco mercato dell’instant messaging.

(Visited 3 times, 1 visits today)

Be the first to comment on "Twitter: cosa è e come funziona"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*